top of page

Cultura

E

Patrimonio

chridtianisme_baptême_jésus_christ_pèler

                       LA GIORDANIA DELLE MILLE E UNA CIVILTÀ

 

Giorno 01, Italia – Amman

Arrivo all’aeroporto Queen Alia (aeroporto di Amman), accoglienza e assistenza da parte del nostro rappresentante di Stars Sky Travel per le formalità del passaporto e del visto, quindi trasferimento in hotel per la cena e il pernottamento.


 

Giorno 2, Amman – Castelli del deserto

Magnifici esempi dell’architettura e dell’arte dell’inizio dell’era islamica, i castelli del deserto della Giordania testimoniano un’epoca affascinante inscritta nella ricca storia del paese. La raffinatezza dei loro mosaici, affreschi, illustrazioni e incisioni su pietra e stucco, nella pura tradizione persiana e greco-romana, ci offre uno spaccato del modo di vivere nell’VIII secolo.

Pranzo ad Al Azraq.

Ritorno ad Amman per visitare la capitale del regno hashemita. Dall’alto della cittadella, non perdiamo la superba vista della città bassa. Visitiamo il tempio di Ercole, il Palazzo degli Omayyadi e il Museo Archeologico. Quindi, facciamo un breve tour della Città Bassa, che ha conservato un bellissimo anfiteatro greco-romano.

 

Rientro in albergo. Cena e pernottamento ad Amman.


 

Giorno 3, Jerash –Umm Qais

Oggi ci dirigiamo verso il nord della Giordania per scoprire le sue città greco-romane. Iniziamo la nostra giornata con il sito di Jerash. La città conobbe il suo periodo d’oro sotto il dominio romano, quando era conosciuta come Gerasa. Oggi questo sito è considerato una delle città di provincia romane meglio conservate al mondo. Nascosta sotto la sabbia per diversi secoli prima di essere scoperta e restaurata per 70 anni, Jerash esemplifica la vasta e formale pianificazione municipale romana in tutto il Medio Oriente. È adornato da strade acciottolate, colonnati, immensi templi sulla cresta delle colline, incantevoli teatri, ampie piazze pubbliche, terme, fontane e mura trafitte da torri e porte. Dopo 2 ore di visite turistiche, partiamo per il pranzo in uno dei ristoranti di Jerash. Poi prendiamo la strada per Umm Qais ex Gadara.

 

Sede del famoso “miracolo del maiale”, Gadara era famosa all’epoca come centro culturale. Vi hanno abitato numerosi poeti e filosofi, in particolare Teodoro, fondatore della scuola di retorica a Roma. Un poeta ha persino chiamato questa città “la nuova Atene”. Arroccato sulla cresta di una splendida collina che domina la Valle del Giordano e il Mare di Galilea, Gadara è conosciuta oggi come Umm Qais. È rinomato per la sua enorme terrazza a volta e le strade colonnate, nonché per le rovine di due teatri.

 

Rientro in albergo. Cena e pernottamento ad Amman.

Giorno 4, Strada dei Re – Madaba – Nebo – Kerak – Petra

Parti per Petra prendendo parte della Kings Road che collega Aqaba ad Amman. Sosta a Madaba, un sito biblico con 14 chiese bizantine. Visita la Chiesa di San Giorgio, famosa per il suo mosaico del VI secolo raffigurante la più antica mappa della Palestina e di Gerusalemme. Prosegui verso il Monte Nebo per goderti il panorama della Valle del Giordano e il memoriale di Mosè, con i suoi affreschi bizantini. Strada per Kerak, una grande fortezza costruita dai crociati nel XII secolo.

 

Pernottamento in hotel a Petra.

 

Giorno 5, Petra

Dopo colazione partenza per Petra, la Città Rosa. Si entra in città attraverso 1 km di stretta gola fiancheggiata da scogliere alte 80 m! Si osservano i colori abbaglianti e le formazioni delle rocce, quindi si prosegue verso il magnifico Tesoro (Al-Khazneh) scavato nella roccia arenaria. Si continua a esplorare questo incredibile sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Il sito è enorme e contiene centinaia di tombe scavate nella roccia, un anfiteatro romano, templi, un altare sacrificale e una strada colonnata. Il pranzo sarà servito presso il ristorante locale all’interno del sito. Trascorriamo il pomeriggio sul sito, poi a fine giornata torniamo in hotel. Cena e pernottamento a Petra.

 

Giorno 6, Petra – Wadi Rum – Mar Morto

Colazione e partenza per Piccola Petra, quindi trasferimento nel deserto del Wadi Rum. Se Petra è il risultato del lavoro umano unito a quello della natura, le scogliere, le cime e le valli del Wadi Rum devono solo a se stesse la loro serena bellezza” e la loro “travolgente grandezza”, secondo le parole di TE Lawrence, meglio noto come Lawrence d’Arabia.

 

Pranzo in un accampamento beduino.

 

Quindi, partiamo alla scoperta di questo maestoso deserto durante un tour in 4X4 di 2 ore. Prendiamo quindi il sentiero per il Mar Morto attraverso il deserto di Wadi-Araba che segna il confine tra Giordania e Israele. Durante la nostra traversata di questo deserto, avremo l’opportunità di ammirare il tramonto. Quindi, scopriremo la gola di Wadi Al-Mujib prima di raggiungere il nostro hotel in riva al mare.

 

Cena e pernottamento al Mar Morto.

Giorno 7, Mar Morto – Iraq-AL-Ammir

Trascorriamo la mattinata godendoci il Mar Morto rilassandoci, galleggiando nelle acque salate o riposandoci a bordo piscina. Se lo desideri, puoi anche beneficiare di trattamenti "spa". Dopo pranzo partenza per Iraq-Al-Amir. Iraq-Al-Amir dipende dal comune di Amman, nella Valle del Giordano. Situata a 15 km a sud-ovest della città di Wadi Al-Seer, Al-Amir ha una popolazione di circa 6.000 abitanti. Costruita su colline, la città ha molte sorgenti ed è conosciuta per i suoi ulivi e boschi. A meno di un chilometro a sud della città si trova il sito storico di Al-Iraq-Amir, costruito da un principe persiano nel III secolo a.C. Le colline ospitano numerose grotte, che risalgono all’età del rame.

 

Dal 1992, un centro espositivo mette in risalto le scoperte moderne della regione: artigianato prezioso; ceramica; bicchieri ; armi dell’età del bronzo, del periodo nabateo e del periodo romano; registrazioni; Monete d’oro islamiche e bottino d’argento scoperti di recente in Iraq Al-Amir. Dopo la visita, ceniamo al ristorante dell’Associazione delle artigiane dell’Iraq-Al-Amir.

 

Giorno 08, Amman – Italia

Prima colazione in hotel, trasferimento in aeroporto e assistenza per le formalità di partenza per l’Italia.

bottom of page